Le Cinture

I gradi del Karate sono in prima battuta divisi tra Kyu (o mudansha) e Dan.

Kyu

Chiunque voglia apprendere le arti marziali comincia nel livello shu (della forma) che comprende l'intero sistema kyu. In esso rientra l'apprendimento basilare delle tecniche (omote) e il raggiungimento del livello psicofisico necessario per toccare i livelli superiori. Si tratta di costruire e rafforzare autodisciplina, volontà, pazienza, comprensione e convivenza con altri, elementi senza i quali non è possibile progredire. Durante questo primo periodo lo sviluppo della tecnica è l'unico criterio di misurazione utilizzabile. Originariamente il mudansha era rappresentato dalla sola cintura bianca, simbolo della "non conoscenza, della purezza e della libertà della mente"; in seguito fu introdotta la suddivisione tra cintura bianca e cintura marrone, cui si aggiunse poi quella dei colori intermedi. Omote significa "basilare, fondamentale" e simboleggia il lato visibile dell'arte marziale, quello che ognuno può apprendere: tutte le tecniche vengono scomposte e studiate ricercando la perfezione formale, priva di contenuti spirituali.

Bisogna però sottolineare come il formalismo relativo al vestiario e alle cinture iniziò solamente con lo sviluppo di massa del karate e quindi con la sua commercializzazione, soprattutto in occidente. Alle origini, il karate era praticato con i vestiti quotidiani, spesso solamente con la biancheria intima e non esistevano le graduatorie per cinture. Da molti praticanti di karate tradizionale, la cintura è considerata un simbolo di un certo livello di conoscenza e di percorso ma non possiede certo un valore meramente di grado.

In origine la cintura era solo bianca. Con il passare del tempo, a furia di utilizzarla, essa si sporcava e di conseguenza si anneriva. Perciò più una cintura era nera, ovvero sporca, più significava che veniva indossata da molto tempo; ciò significava che uno con la cintura nera praticava il karate da molto e quindi era bravo, mentre uno con la cintura bianca era agli inizi. Da qui ha avuto origine la colorazione delle cinture bianca e nera e in seguito tutte le colorazioni intermedie in ordine cromatico.

  • 9° kyu (kuu kyu): cintura bianca; Shiro obi Kuukyu. All'inizio si indossa la cintura bianca perchè si è un mukyu, ovvero un senza-cintura.
  • 8º kyu (hachi kyu): cintura gialla; Kiiro obi Hachikyu
  • 7º kyu (shichi kyu): cintura arancio; Daidaiiro obi Shichikyu
  • 6º kyu (roku kyu): cintura verde; Midori obi Rokukyu
  • 5º kyu (go kyu): cintura blu; Aoiro obi Gokyu
  • 4º kyu (yon kyu): cintura blu; Aoiro obi Yonkyu
  • 3º kyu (san kyu): cintura marrone. Kuriiro obi Sankyu
  • 2º kyu (ni kyu) : cintura marrone. Kuriiro obi Nikyu
  • 1º kyu (sho kyu): cintura marrone. Kuriiro obi Shokyu

Dan

Livelli di Dan: cintura nera (la cintura nera va dal 1º al 10º dan).

L'ideogramma dan si trova anche nella parola shodan, che significa "principiante", per dimostrare come l'aver impiegato alcuni anni per diventare cintura nera sia davvero poca cosa in confronto a tutti gli anni di allenamento che aspettano. Generalmente, le cinture si ottengono per esami fino al 5º dan, mentre dal 6º dan in poi, il grado viene assegnato solo per meriti speciali e non più in seguito ad esami, anche se il modo in cui vengono rilasciati i più alti gradi dan può variare da federazione a federazione. Per i gradi più elevati non viene valutata solamente la mera capacità tecnica raggiunta ma soprattutto le doti di esperienza, didattica, organizzazione, sviluppo e dedizione a quest'arte marziale.

  • 1º dan: grado dell'allievo che cerca la via; Kuro obi Shodan (rarissimamente Ichidan) (14 anni compiuti e almeno 2 anni di permanenza in 1º kyu cintura marrone)
  • 2º dan: grado dell'allievo all'inizio della via (dopo almeno 3 anni di permanenza in 1º dan); Kuro obi Nidan
  • 3º dan: grado degli allievi riconosciuti (dopo almeno 4 anni di permanenza in 2º dan); Kuro obi Sandan
  • 4º dan: grado degli esperti tecnici (dopo almeno 5 anni di permanenza in 3º dan); Kuro obi Yodan

Il livello yudansha giunge sino al quarto dan e corrisponde al livello della "libertà della forma" (ha), il livello del guerriero. Il praticante può divenire un esperto di quella stessa tecnica utilizzata ai livelli kyu ma compresa nel suo significato reale.

Il 1º dan (shodan) nel karate consente di indossare la cintura nera ed è il primo passo dell'allievo lungo la Via (do): in questo momento comincia il vero karate. Lo studio si raffina e l'arte marziale viene valutata anche dal punto di vista psicofisico: l'allievo è in grado di capire che dietro l'esercizio fisico c'è la ricerca di uno stato mentale più appagante, così i gradi si evidenzieranno solo quando il praticante avrà superato il livello della dipendenza dalla forma.

Nel 2º dan (nidan) e nel 3º dan (sandan) si uniscono la comprensione dell'importanza dell'atteggiamento mentale e la maggiore efficacia delle tecniche.

Il 4º dan (yondan) è il "livello dell'esperto" e del combattente completo. Il confine della tecnica puramente corporea viene raggiunto e chi lo acquisisce sa che per poter migliorare dovrà cercare e percorrere nuove vie. Egli interiorizza gli aspetti spirituali dell'arte vivendoli nel dojo e nel quotidiano. A questo livello si forma il legame tra la filosofia dell'arte marziale e tecnica. Si possono controllare lo spirito, il respiro e l'energia (Ki) con l'esercizio fisico, legarli alla tecnica e svilupparli al massimo: nella ricerca della perfezione interiore l'esperienza e la maturità offriranno un fondamentale aiuto.

  • 5º dan: - renshi kokoro, grado della conoscenza (dopo almeno 6 anni di permanenza in 4º dan); Kuro obi Godan
  • 6º dan: - renshi (dopo almeno 8 anni dal 5º dan, conferito solo per meriti e solo se si è in possesso della qualifica di Maestro o Arbitro Internazionele);
  • 7º dan: - khioshi (dopo almeno 12 anni dal 6º dan). Kuro obi Sichidan

I gradi kodansha sono propri del vero maestro di budo: solo essi permettono di condurre un allievo al di là degli aspetti puramente formali della tecnica preparandolo alle conoscenze della Via (do).

Kokoro è colui che raggiunge questa capacità tra il 5º e il 6º dan, ad una età minima di trent'anni perché tale stato presuppone oltre all'esperienza di budo anche quella di vita. Questi dan vengono chiamati anche renshi ed indicano la maturità spirituale di un uomo: sono perciò i gradi dei maestri autonomi.

Generalmente fino al 5° dan è possibile ottenere il grado per mezzo di un esame dopo aver studiato un programma prestabilito, oltre al 5° dan i gradi vengono conferiti solo per meriti conseguiti nell'insegnamento, per comprovata dedizione all'arte e per la diffusione del Karate e dei suoi valori (anche se il modo in cui vengono rilasciati i più alti gradi dan può variare da federazione a federazione).

  • 8º dan: - khioshi ; Kuro obi Hachidan;
  • 9º dan: - hanshi ; Kuro obi Kudan;
  • 10º dan: - hanshi ; Kuro obi Judan;

I gradi di maestria più elevati nel Karate si chiamano irokokoro e sono espressioni della maturità, legati ai titoli khioshi (7º e 8º dan) e hanshi (9º e 10º dan).

Hanshi vive in totale armonia esteriore e interiore: ha superato ogni ostacolo interno (satori) abbandonando la dipendenza dal possesso e dal prestigio ed anche la paura della morte: sua missione sarà il trovare un degno successore.

Renshi e khioshi rappresentano la cima della piramide dell'insegnamento mentre hanshi ne resta al di fuori: il suo compito non è quello di insegnare a tutti ma di indirizzare i già esperti verso l'ultimo gradino. Egli apre le porte segrete a quanti siano cresciuti oltre la sola tecnica. Questi gradi sono i più elevati raggiungibili in vita e solo pochissimi uomini li hanno ottenuti.

ll Maestro Gichin Funakoshi ero solito dire a chiunque chiedesse se si potesse raggiungere il 10º Dan: "Quando sarai morto ti verrà conferito il 10º Dan: il 10° Dan significa conoscenza assoluta, non avere più niente da imparare, e finché sei in vita c'è sempre da imparare."

 

© 2017 karatecisliano.it