Il Saluto

              Il Saluto “Rei”


Il karate inizia con il rispetto e finisce con il rispetto
Rei-No-Kokoro, lo spirito del rispetto "

Il saluto rappresenta una cerimonia che precede e conclude ogni allenamento o manifestazione, non vuole essere una forma di sottomissione ma di rispetto reciproco. Nel Karate vi sono due tipi di saluto Ritzu-Rei chiamato anche Taci-Rei Saluto stando in piedi ” e Za-Rei Saluto in ginocchio .

TACHI-REI o RITZU-REI " Saluto In Piedi "  

Tachi-Rei o Ritzu-Rei saluto stando in piedi in posizione Musubi-Dachi, tale saluto prevede un inchino in segno di rispetto verso una o più persona. L'inchino, che non dev'essere interpretato come atto di sottomissione, ma di rispetto, ha un rituale che prevede, stando in piedi a gambe unite e tese, talloni uniti e punte dei piedi divaricate a 45 gradi, braccia lungo i fianchi, un movimento del busto in avanti senza esagerare, testa che resta eretta sul collo e che segue il corpo permettendo agli occhi di continuare a vedere avanti per almeno 2-3 metri. Durante l'inchino si pronuncia la parola "Oss". Il significato simbolico del saluto in piedi è quello che ci porta sempre nella condizione di mostrare rispetto verso le persone di fronte a noi, le quali devono però notare la nostra vigilanza. A loro volta le persone salutate mostreranno il loro rispetto verso di noi attraverso il Tachi-Rei. Qualsiasi forma di superbia, data dal grado più elevato o qualsivoglia condizione di indifferenza, pregiudizio o distrazione, che non porta a ricambiare del saluto dato è semplicemente un atto di ignoranza che fa chiaramente percepire quanto la persona in causa non abbia in sè l'umiltà ed il rispetto che la pratica avrebbe dovuto insegnare. Questa forma di saluto si esegue in svariati casi, quando si entra nel Dojo e quando si esce (per qualsiasi ragione), per salutare il Maestro ed i compagni.


ZA-REI  " Saluto in ginocchio "

Star seduti in modo corretto fa parte di molte Arti Giapponesi. La cerimonia del thè, l'arte della composizione floreale fino ad arrivare alle arti marziali. Seiza vuol dire "Sedersi con tranquillità o correttamente". Lo star seduti, ginocchia a terra, collo del piede appoggiato al pavimento, sedere appoggiato ai talloni è il modo corretto di far Seiza. Le donne tengono le ginocchia unite, gli uomini possono distanziarle di un pugno o due, schiena diritta e mani appoggiate sulle cosce, mento leggermente retratto, piede destro sopra il sinistro. Tale posizione assomiglia ad una posizione di riposo che tengono per esempio i militari, non si sta completamente rilassati ma nemmeno sull'attenti. Si sta vigili. Durante la pratica del Karate non si deve mai essere troppo rilassati. La mente deve essere sempre pronta a reagire. Anche da seduti dunque nel Karate si mostra di non restare mai in ozio e che il nostro tempo non va lasciato trascorrere senza la giusta tensione emotiva.

 

© 2017 karatecisliano.it